Pubblicato da: simo83 | 29 ottobre, 2011

Un pensiero per il Sic

Da anni seguo il motomondiale, da fan sfegatata di Vale, ma come sportiva ho sempre tifato per tutti i piloti italiani. L’anno scorso ero davvero felice dell’accoppiata Melandri – Simoncelli nel Team Gresini, a prescindere dai risultati, perchè oltre al lato sportivo c’era quello umano. Quest’anno beh, col Vale in stagione no, eri diventato insieme a Dovizioso il motivo per cui continuavo a guardare le gare, con la consapevolezza che un giorno quando Vale avesse smesso di correre il suo testimone l’avresti preso te…
Domenica mi sono svegliata appena dopo la partenza, arrivata davanti alla tv non potevo crederci…Mi dispiace un casino Marco!

Tra i tantissimi articoli letti in questi giorni mi ha colpito questo post sul sito di Sky Sport che riesce, sicuramente meglio di me, ad esprimere quello che è anche il mio pensiero.
Solo la scandalosa normalità di Marco Simoncelli, della sua famiglia, della sua fidanzata, della sua bravura spiegano tanta commozione. Perchè di Marco muore un pizzico di speranza.
Scandalosa normalità… Non c’è niente di vero e questa volta anche le telecamere hanno potuto raccontare il sentimento vero, la compostezza e la semplicità di un dolore che brucia dentro, la genuinità propria di tutte le persone “normali”, senza divismi da reality.
Un ragazzo come tanti, cresciuto in provincia, legato alla sua comunità. Ascoltare i canti del coro della parrocchia di Coriano, con chitarre e bonghi, le parole del vescovo, la compostezza dei familiari e degli amici, una canzone rock, la sensazione che il funerale pur nel dolore sia in realtà una festa, un momento di sereno. Questo mi ha fatto rivivere un giorno di dieci anni fa. Una morte diversa e inspiegabile, ma la stessa giovane età, le stesse chitarre a suonare, la stessa partecipazione di un’intera comunità. E una canzone degli U2 prima dell’ultimo saluto a una carissima amica.

Ciao Marco

Pubblicato da: simo83 | 13 febbraio, 2011

Se non ora quando?

Pubblicato da: simo83 | 5 febbraio, 2011

Biagio…e un dubbio!

Ecco Biagio, il nuovo componente della nostra famiglia. Ha quasi 60 giorni, è vivace e decisamente furbo, anche troppo!
E’ un labrador,cioè, la mamma è una labrador, ma non si sa chi sia il babbo…Chi sarà???

Pubblicato da: simo83 | 18 dicembre, 2010

Il nostro bellissimo Shaq

Non appena vediamo quel cucciolino di dieci giorni, un boxerino color miele con il muso tutto nero e la stazza che promette bene, non abbiamo avuto dubbi: lo chiamiamo sicuramente Shaq. Shaq come Shaquille O’Neal il mitico giocatore dei Lakers. Sappiamo che quella piccola palla di pelo sarà il nostro campione.
Shaq entra a casa nostra a settembre del 2002, non avevamo mai avuto un boxer e nemmeno, in generale, un cane di razza e forse per questo fin da subito il nostro comportamento è stato diverso. Ben presto ci si accorge di essere diventati completamente matti per questo cagnolino, di provare un affetto e un attaccamento tale da considerarlo io un fratello peloso e i miei genitori un terzo figlio, ma dal pelo raso! Shaq riesce a tirare fuori la parte più profonda di noi, come nessun altro cane prima, il boxer del resto è così e non puoi non innamorartene.
Shaq ha tutto del boxer,la bellezza, la fierezza e l’orgoglio del cane di razza,  l’intelligenza, la testardaggine e la voglia di giocare e tirare fino all’impossibile, la dolcezza e l’irruenza, la festosità verso tutto e tutti, ma anche la delicatezza di salute (…e, perchè no,l’aerofagia che ci fa un pò vergognare quando abbiamo gente in casa =D!).

Shaq è un amico, un compagno di passeggiate, il destinatario delle nostre attenzioni, delle nostre carezze, dei miei dispetti, dei pezzetti di pane che gli lasciamo sempre quando mangiamo, il divertimento nel vederlo arrabbiarsi con i giochi a sonagli che lo fanno innervosire. Che non sia solo “un cane” lo sappiamo e ci mancherà quando presto o tardi non ci sarà più. I boxer hanno tanti pregi ma un grande difetto, la vita media è breve e il rischio di tumori è alto. Ma Shaq sta bene, tutti i controlli dicono che dimostra 5 e non 8 anni. Menomale penso, abbiamo ancora qualche anno da passare insieme a lui.
Invece no.
Martedì sera scorso Shaq ha avuto una convulsione, lo abbiamo portato in clinica, lo hanno ricoverato per la notte in attesa di fare gli accertamenti del caso. Ho un terribile presentimenti, ma mi sforzo di pensare che tutto andrà bene…tanto la realtà ci pensa da sola a riportarti coi piedi per terra e alle tre del pomeriggio,infatti, quel “Shaq ha un tumore al cervello, non operabile, forse nemmeno curabile” ci piomba nel cuore come un macigno.Ora sappiamo che Shaq piano piano peggiorerà ma con la cura potrà stare bene per un po’.
Lo riportiamo a casa, finalmente. Menomale, la casa senza di lui era più vuota e noi gli staremo tutti vicino nella sua sofferenza.
La consolazione è che abbiamo ancora tempo per stare con lui. Ma giovedì pomeriggio alle 14,30 il suo cuore ha smesso di battere.
Nel dolore in cui ci ha lasciato è riuscito comunque a farci un grande regalo, quello di spegnersi tra le nostre braccia evitandoci di prendere noi l’atroce decisione di porre fine alla sua vita. Eravamo tutti lì con lui, così come eravamo intorno a lui la prima sera che dormì a casa nostra a 60 giorni di giorni di vita.
Troppo presto, è successo tutto troppo presto. Ora il vuoto e il dolore che ha lasciato è grandissimo, perchè manca “uno di famiglia”. Shaq ci ha dato tanto tanto, tanta gioia e per questo nella sua unicità ci mancherà.

Grazie shaqquettone mio , ti ho voluto un gran bene e mi manchi tantissimo! Ti avevo anche trovato il regalo per Natale, non ho fatto in tempo neanche a comprarlo.

Simo

Pubblicato da: simo83 | 8 febbraio, 2010

Tempo di carnevale

E’ carnevale!!! Ieri con grande sorpresa ho ricevuto il commento di una persona che mi ha ricordato quanto da bambina adoravo il carnevale. Non che adesso non sia così ma, come forse è nella natura di noi esseri umani, crescendo non viviamo più le cose allo stesso modo! La cosa buffa ripensandoci oggi è che io da piccola facevo proprio le sfilate con abiti creati dalla mamma…e frequentavo le discotche (perchè i concorsi li facevano lì di pomeriggio) molto più di quanto lo faccia adesso =D…Che bello che era! Ecco una piccola galleria dei miei camuffamenti carnevaleschi.

Pubblicato da: simo83 | 14 ottobre, 2009

Qui qualcosa non calza!

Stupore. E’ la sensazione che nasce dal vedere come il nostro Paese  sia, sotto tanti punti di vista, davvero colorito: si sottovalutano a volte molto serie e ci si fossilizza sull’inutile. 
Ora ad esempio è bastato uno spot televisivo per scatenare l’ennesima e inutile polemica. Autori di tal misfatto sarebbero stati i creativi della nuova pubblicità Calzedonia, rei di aver utilizzato una versione modificata al femminile dell’Inno di Mameli. Continua a leggere…

Pubblicato da: simo83 | 14 ottobre, 2009

Chi non muore si rivede!

Dopo mesi di silenzio torno, finalmente, a scrivere qualcosa. Certo, di cose nel frattempo ne sono successe, di tutti i colori, e ce ne sarebbero state di opinioni da esprimere, domande da farsi, fatti su cui riflettere, ma ammetto di essermi fatta prendere troppo da studio, lavoro… e anche da qualche giorno di rigenerante vacanza. Avrei voluto scrivere tante volte , ma ho sempre finito col non farlo e quando l’ho fatto ne sono nate delle belle bozze incompiute! Eh si, forse il ruolo di blogger non mi riesce proprio molto bene, devo proprio ammetterlo!!!!

Pubblicato da: simo83 | 9 marzo, 2009

Buon compleanno Barbie!

Cara Barbie,

forse non ti ricorderai di me, ma qualche anno fa sono stata un membro del tuo club e ogni tanto mi inviavi qualche letterina. Ora sono io a scrivere a te, perchè oggi è il tuo compleanno e chissà, forse 50 anni sono tanti, anche per una come te, ma non ti abbattere!
Ho visto che per l’occasione ti sei data ai grandi festeggiamenti e che molti ti faranno dei regali, la Fiat ha ideato la
500 fucsia; in tutto il mondo verranno organizzati eventi speciali, come la sfilata nella settimana della moda di New York; il tuo guardaroba sarà aggiornato con 50 nuovi abiti, firmati dai principali stilisti (fra cui Calvin Klein, Diane von Furstenberg, Tommy Hillfiger, Ralph Lauren, Dior …), Bulgari ha disegnato una parure di diamanti e Kartell il nuovo arredamento per la tua villa.


Per molto tempo sei stata una mia carissima amica, con cui passare parte delle giornate, dopo aver fatto i compiti. Mi accompagnavi all’asilo e in vacanza al mare; eri con me quando mi sono operata di tonsille, giocavamo insieme quando ho picchiato la testa contro il termosifone e mi hanno dato 4 punti di sutura, ed eri il mio regalo preferito per le promozioni a scuola. Una fedele compagna di giochi, che pur con dispiacere a un certo punto ho dovuto riporre in soffitta perchè era arrivato il momento di diventare grande. Continua a leggere…

Older Posts »

Categorie